Pianeti 2021 – Astroimaging

Come ogni anno, propongo una carrellata di tutte le immagini di Pianeti in Alta risoluzione che ho ottenuto in prossimità delle opposizioni dei singoli sistemi. Ovviamente non mancano immagini precedenti e “molto successive” all’opposizione al fine di seguire l’evoluzione delle atmosfere e soprattutto per continuare a fornire dati per il progetto DeTeCt Impact.

Le condizioni di osservazione di Giove sono migliorate rispetto al 2020 con il pianeta che dai 41° di Latitudine Nord si presentava al Meridiano a circa 35-36° (alcuni gradi in più rispetto al 2020 : https://www.scienzechepassione.com/pianeti-2020-astroimaging/

Ovviamente dobbiamo attendere altri 2-3 anni per uscire fuori dai potenti jet stream delle città.

Saturno invece non sono riuscito a riprenderlo a più di 20° di Altezza.

Il seeing non è mai stato eccezionale e non vi è stato nessun caso dove si superassero i 6/10 di seeing e i 3/5 di trasparenza (tutto in linea quindi con la qualità delle immagini riscontrata: https://www.scienzechepassione.com/seeing-effetti-sullimaging-di-giove/

Mi sono cimentato nel provare la banda Metano, con apposito filtro a 889 nm. Purtroppo il seeing e le dimensioni dell’ottica non hanno consentito di riprendere grandi dettagli in tale banda, tuttavia è stato bello vedere “scomparire” Saturno e esaltare solo gli Anelli.

Insomma anche quest’anno mi sono sudato il bottino di immagini che vedete.

Opposizione di Giove 2021

Primissimo Giove di stagione con GRS in transito ed alcuni oval spot.
Giove con GRS in transito. Condizioni di seeing medie
Giove e l’imponente GRS in transito. Riprese anche in IR e Banda Metano
Transito di Io e Giove in IR, RGB e Banda Metano. si possono osservare a sud svariati oval spot. Per tale contesto dei Pianeti in alta risoluzione, questa è una delle mie migliori immagini del 2021
Circa 1.5 ore di transito di Io e della sua ombra sul disco del pianeta. Io è poco visibile per le scarse condizioni di seeing che deturpavano in risoluzione l’immagine finale. Si vede molto bene il gruppo di oval spot nella banda temperata Sud.
Derotazione di un set RGB + Luminanza nell’IR. WOS ed ombra di Io in primo piano.
Giove e transito della GRS. Seeing Pessimo
Una migliore sessione dove la banda Metano finalmente ha mostrato dettagli
Composizione Multicanale RGB, IR e Banda Metano
Esempio di composizione Multichannel con IR>685 nm, RGB, e Banda Metano. Alla banda metano è stato assegnata una colorazione viola, mentre all’IR una colorazione rosso intenso. Nella somma si vede chiaramente dove prevalgono dettagli dipendenti dall’uso del filtro a banda stretta.
La GRS tramonta e lascia spazio ad un treno di WOS.
Altra sessione con ottima trasparenza e seeing mediocre
Una eccellente immagine del 26-09-2021.
Una eccezionale immagine LRGB ripresa il 26-09-2021 in un momento in cui il seeing ha dato anche pochi frames a 8/10. Elaborazione morbidissima e non tipicamente esasperata nei contrasti come mio solito fare. L’aspetto evanescente ricorda la visione al telescopio
Della stessa serata uno splendido IR con elaborazione volutamente morbidissima, quasi a simulare l’aspetto reale ed evanescente dei dettagli gioviani
Una delle migliori immagini per questa opposizione. Set RGB con singoli canali da 180 secondi derotati con WJ. Dettagli visibili fino ai poli
Una delle migliori immagini per questa opposizione. Set RGB con singoli canali da 90 secondi derotati con WJ. Dettagli visibili fino ai poli
In condizione di seeing mediocre è stata immortalata la GRS in tutta la sua estensione

Opposizione di Saturno 2021

Saturno ripreso in RGB e nell’IR. Con il pianeta a 19° è veramente difficile fare alta risoluzione
Sotto un cielo cittadino provare a cercare tutti i satelliti di Saturno è sempre entusiasmante. Hyperion si vede a malapena e Giapeto risulta fuori dal campo dell’immagine. Mimas ed Encelado sono tra le luci di Saturno.
Saturno in banda metano, tipico esperimento per pianeti in alta risoluzione

SF2A/SAF Pro-Am Gemini Prize 2021 awarded to US!

So WE have been awarded with the Gemini Prize.

Working for years without loosing the concentration and give up. Nights and nights becoming days of observations on a single planet. Building database of images able to reveal cosmo’s mysterious. Without fees, without remboursment, without gain neither 1 cent, only trained by the passion.

Professional scientists and astronomical amateurs have collaborated shoulder by shoulder for a common purpose: satisfy the knowledge using their passion for the astronomy.

#Proud to have been part of the team.

Gemini Prize

The Astronomical Society of France (SAF) and the French Society of Astronomy and Astrophysics (SF2A) have joined forces to create the Gemini Prize intended to reward remarkable amateur-professional collaboration in astronomy and related sciences:

http://www.sf2a.eu/

Thanks to Marc Delcroix, Ricardo Hueso Alonso and 108 not professional astronomer (me included), called Impact Team, we have had the possibility as not professional to feed with our contribution, observing plantes, providing Jupiter and Saturn images.
Please read the following articles about the basis of the project:
https://www.scienzechepassione.com/impact-detection-of-small-objects-on-giant-gases-plane

Presentation Video

https://www.youtube.com/watch?v=fqZmVQELSyM

Documents and papers from “Semaine de l’Astrophysique française 2021 Prix Gemini collaboration pro-am”

« Projet de détection d'impacts sur Jupiter et Saturne: un exemple de projet collaboratif amateurs-professionnels »,
 
CONFERENCE PRESENTATION 
*Delcroix M. et al.,at the "semaine de l'astrophysique française 2021 (SF2A)", session plénière - remise des prix, June 10, 2021

« Projet de détection d'impacts sur Jupiter et Saturne: un exemple de projet collaboratif amateurs-professionnels »,

http://astrosurf.com/delcroix/doc/Delcroix%20M.%20et%20al.%202021-Projet%20de%20detection%20d%27impacts%20sur%20Jupiter%20et%20Saturne%20%28prix%29-SF2A%202021.pdf

CONFERENCE POSTER 
*Delcroix M. et al., at the "semaine de l'astrophysique française 2021 (SF2A)", atelier collaborations amateurs-professionnels, June 7, 2021

Software release

i warmly recommend to use the new Marc Delcroix release:
https://github.com/DeTeCt-PSWS/DeTeCt-MFC/releases/tag/v3.4.0

Scientific results

The data goes back to 2003, and the 165,000 videos analyzed on Jupiter represent the equivalent of 6 full months of observation. the 6 flashes detected, one (the last in 2019) was only thanks to DeTeCt, and would have been missed without the use of the software, which demonstrates the interest of project.
These data make it possible to estimate the frequency impacts on Jupiter currently at ~ 13  impacts per year. The data on Saturn, less observed, being significantly fewer (28 days observations), the current estimate is that the impact frequency is less than 26 / year
(no impact has been observed so far, apart from suspicious traces in the rings observed by Cassini). 
The calculated impact frequency for Jupiter is consistent with the estimates made by
other methods 

Aknowledgments and thanks

SF2A: French Society of Astronomy and Astrophysics 
SAF: The Astronomical Society of France

My best wish and thanks to Marc Delcroix, giving me the possibility to publish on my blog about the project and the prize. Thank you Mr.Delcroix
Marc Delcroix (delcroix.marc@free.fr),
http://astrosurf.com/delcroix
Commission des observations planétaires, Société Astronomique de France




Impact detection of small objects on giant gases planets

How many time we have thought in which way to use our own not professional astronomy data?

I was still a young boy, during the summertime of my II class in secondary school when the Shoemaker – Levy 9 (SL9) comet crashed into Jupiter atmosphere. The big collision phenomenon attracted attention of scientists and media. The probability that comet hit the Earth instead of Jupiter was one of the most proposed questions. From that time the monitoring of our neighborod planets was the leitmotiv of several not professional astronomists and also the research of comets at not professional levels was another point. The solar system is no static like we think and for the future the human being has to think about “defense” in case of asteroid, comets or other “big impacting objects”.

Comet impacts are rare. Anyway, several asteroids or other small object can impact planets surfaces.

One of the most interesting activity that a not professional astronomers can play is to partecipate to community projects. After a long time I can confirm that the most interesting and accesible to all of us not professional is DeTeCt Impact project.

From the 2010 is a matter of fact that using small telescopes (with a diameter greater than 15 cm) is feasable to give a strong contribution to the scientific community. Around the opposition time, each planet offers the best condition for an easy recording of images through fast ccd or cmos planetary cam.

Once I moved from 8″ Meade LDX 55 to C11 XLT SCT, I started to take higher resolution images and,under good seeing condition, excellent planetary images. Year after year, thousands Gigabyte of data have filled my hard-disks. A day I discovered, reading newsletters, a free tool arose from an international project. The scientific curiosity has brought me to download the software and analyze my data.

I used The Imaging Source DMK 21 AU04.AS, then a Zwo ASI 120 MM and today a ASI 178 MM.

What happen during an impact?

Small bodies (from 5 to 20 meters) fall on jupiter or saturn several time in a year. This is not meaning they will for sure fall down. Of course, there’s not a remote possibility that somtehing will hit the surface. These bodies are not straightly visible through our telescopes but the resultant events like a small and quick short flash is produced can be detected

These small bodies do not leave on the surface visible effects. Only transient bright fireball flashes are the key objective of the study.

Once a flash is observed, it is raised an alarm in order to find out a confirmation in a second or a third video showing the same phenomenon through all the community participants. If it is confirmed, for sure, it will be a great day.

So, recording such flashes with our planetary cams is possibile to support the scientific community.

How to do it?

Participation to the project is simple: just send your log files to: delcroix.marc@free.fr, informing of course of any possible detection!

Here a presentation showing the method used and all the scientific info:

http://www.astrosurf.com/delcroix/doc/EPSC2013/5-Delcroix%20M.%20and%20Hueso%20R.%202013-Jovian%20impact%20flashes%20detection%20with%20DeTeCt%20software%20project-EPSC2013%20v2.pdf

I use to download the free tool DeTeCt Impact software at the following link.

The tool algorithm is developed by Marc Delcroix and Emil Kraaikamp.

http://www.astrosurf.com/planetessaf/doc/project_detect.php

http://www.astrosurf.com/planetessaf/doc/dtc/doc/detect_guide/DeTeCt_quick_guide.htm

Nowday, I submitted cumulative 0.4 days (quite 10 hours) of data from 2014 to 2020 and I’m in the middle of a long list of partecipants (at 8.30 minutes you can see me with my c11).

Within my data I have found several spot with a confidence/rating effect >2 and between 2 an 4. So, unfortunately I have not yet found impacts, but I’m so happy to have submitted my data to Marc Delcroix attention. Each session of imaging has been followed by DeTeCt analysis and the report from the tool sent by email to Mr. Delcroix.

Trust in data! Even if I haven’t found through the DeTeCt any potential flash related to impacts, I’m using to submit anyway my detect folder and files to Marc Delcroix. This is really helpul to improve the estimation of impacts frequency. All the improvements in differential photometry are from an enrichment of data and amore robust case-history.

On YouTube is visible the project and the results till today.

https://www.youtube.com/watch?reload=9&v=8ucGuHqbezA

Acknowledgments and thanks

My best wish and thanks to Marc Delcroix, giving me the possibility to publish on my blog about the project. Thank you Mr.Delcroix

Marc Delcroix (delcroix.marc@free.fr),

http://astrosurf.com/delcroix
Commission des observations planétaires, Société Astronomique de France

Luna in alta risoluzione

Da tempo che non mi dedicavo per almeno un paio di serate alla ripresa della Luna in alta risoluzione. Distratto dai pianeti e soprattutto dall’Opposizione di Marte ho tralasciato per mesi il nostro satellite naturale.

Come sempre, sotto un buon seeing, è sempre bello e naturale dedicarsi alla riprese dei più disparati crateri della Luna in alta risoluzione.

Mi sono concentrato su campi molto ampi usufruendo della risoluzione della ASI 178MM e lavorando con un bassissimo frame rate (massimo 15-20 fps a secondo).

Per ottenere buone immagini della Luna in alta risoluzione ho usato AS3! su circa 3000 frames e sommandone 1500 circa. Successivamente ho elaborato con Photoshop applicando delle Maschere di Contrasto e delle sfocature a piccolissimo raggio.

Primo giorno – 20-02-2020 Seeing 7/10 – Trasparenza 3/5

Dopo aver montato il tubone nel primo pomeriggio di Sabato e dato un primo sguardo attraverso il cercatore, mi sono subito reso conto che il seeing era abbastanza buono per delle interessanti riprese della luna in alta risoluzione:

Cratere Arzachele. La montagna centrale è <alta circa 1500 metri. Esempio di cratere ad anfiteatro con bordi che raggiungono i 4000 mt di quota. In alto a sinistra il cratere Alpetragius.
La Rimae Hadley, luogo di ricordi delle prime missioni NASA. Luogo dell’Allunaggio dell’Apollo 15.
La Vallis Alpes con il suo lunghissimo Canyon al centro. Lunga 166 km e larga massimo 20km è un interessante obiettivo per le riprese telescopiche da terra. Interrompe l’estensione delle Alpi Lunari scindendole in due parti
La Rupes Recta, un muro lunghissimo creato dalla natura. Lunga 116 km

Secondo giorno – 21-02-2020 Seeing 7-8/10 – Trasparenza 4/5

Il secondo giorno, le condizioni era migliori; si iniziavano a vedere altri dettagli “classici”; con le condizioni di seeing in corso era più probabile avere successo nelle riprese della Luna ad alta risoluzione.

Ecco il bottino:

Plato In basso Mons Pico e i Montes Tenneriffe. Una ventina di piccoli crateri sono visibili sulla base del circo largo 100.68 Km.
Eratostene, 59 Km, al termine dei Monti Wolff. In basso i resti di Stadius
Suo splendore Copernico; impressionante terrazzamento e maestosa raggiera.Più in alto il piccolo cratere Fauth
Il cratere Clavius, dal nome del matematico tedesco Christopher Clavius, domina il lato sud ovest delle highlands lunari. il bacino è profondo circa 3.5 km ed è pieno di crateri di varie dimensioni
Quasi al Polo Sud, Moretus. Largo 114 km e profondo 5 km. Il monte centrale è alto 2100 metri.
Sorvolando il Polo sud Lunare

Proponiamo altri articoli dove si parla di Luna in alta risoluzione:

Infine un’immagine di Pitatus ed il suo hinterland ricco di rimae e crateri :

Pitatus, con le sue rimae, ricorda molto Gassendi e Posidonius. Il picco centrale non supera i 500 metri di altezza. Tutto il suo interno è riempito di magma. Si vedono a sinistra la rima Hesiodus e lo strano cratere concentrico Hesiodus A. Al centro in basso abbiamo poi Gauricus e mezzo Wurzelbauer. Il confine destro dell’immagine è quasi tutto Deslanders con il cratere (molto illuminato) Hell.

Nebulosa Rosetta (NGC 2237)

La nebulosa rosetta è uno degli oggetti del Deep sky più fotografato da tutti gli astrofotografi solo dopo la Nebulosa di Orione. La sua magnitudine lo rende accessibile anche a piccoli telescopi.

La parte nebulosa viene catalogata come NGC 2237, ha una forma circolare ed è di dimensioni pari a circa 1.3°.

Quasi al centro, abbiamo un ammasso aperto detto NGC 2244, formato da stelle Blu, le quali emettendo radiazioni UV eccitano il gas della nebulosa formando quindi il caratteristico colore Rossastro. Inoltre il vento stellare determina compressioni alla nube di gas che si aggrega diventando una primaria zona di formazione stellare. La regione è sede infatti di alcuni globuli di Bok.

NGC 2244 si chiama anche NGC 2239 per un errore di posizione. NGC 2246 è il settore NE della nebulosa rosetta. L’unico modo per descrivere tutto il gruppo visibile (stelle + nebulosa) è usare il riferimento del catalogo Sharpless Sh2-275.

Il vento stellare determina una struttura a petali del gas costituente la nebulosa ed è per questo che la si chiama Nebulosa Rosetta.

Astrofotografia della Nebulosa Rosetta

La nebulosa rosetta dista 1600 parsec circa, quindi è molto più lontana della Nebulosa di Orione che pertanto viene declassata in dimensioni reali rispetto alla Nebulosa Rosetta.

Quindi, dato il campo veramente esteso, è utile concentrarsi su focali ridotte. E’ sempre raccomandabile raggiungere cieli bui…cosa sempre più improbabile da trovare vista anche l’impossibilità offerta dal ns nemico COVID che ci costringe alle mura domestiche. Quindi se si deve lavorare da casa bisogna dotarsi di un filtro interferenziale come Optolong-L Pro.

Il Filtro L Pro ha un tasso di trasmissione molto alto e selettivo su H(I), H(II), O(III) ed S (II) e pertanto consente di far esaltare con più semplicità i complessi nebulari altrimenti fagocitato dall’inquinamento Luminoso.

Di seguito Nebulosa Rosetta ripresa il 16-01-2020 dalle 18.30 alle 21.30 TU. Totale 2.5 ore di esposizione con subs da 3 minuti. Per la calibrazione ho usato 17 dark, 21 flat e 31 bias. I dark li ho realizzati sul muro di casa illuminato con una lampada a led.

Nebulosa Rosetta – gli effetti dell’IL sono molto visibili seppure sia stato usato un filtro interferenziale. Integrando per più ore sarà aggiungere più segnale e maggiori dettagli. I petali della Rosa si vedono sicuramente ma vanno migliorati.

Per l’elaborazione ho usato DSS per la somma dei vari raw acquisiti. L’immagine tif risultante l’ho elaborata con Pixinsight e Photoshop.

Qui di seguito una versione con meno rumore applicando il tool multiscale median transform:

Sicuramente non sono una cima nell’usare Pixinsight. Il Multiscale aiuta ad abbattere il rumore generato di tanti stretching non lineari.

Obiettivo è integrare almeno altre 2-3 ore di segnale in modo da completare o “migliorare” questa Nebulosa Rosetta. Dal centro cittadino bisogna sapersi accontentare e dopo un mese senza stelle per la tantissima pioggia mi accontento.

Per l’altro oggetto tipicamente invernale, vi rimando al link: https://www.scienzechepassione.com/la-nebulosa-di-orione/

Elaborando vecchie immagini di Giove

Quando credi che le immagini elaborate siano già belle e quindi definitive, sbagli e l’elaborazione delle seguenti immagini di Giove lo dimostra. Riprendendo vecchi filmati di Giove dei singoli canali R, G e B, del 2016, realizzati con il C11, la ASI 120 MM e stessi filtri in uso oggi puoi davvero ottenere delle elaborazioni migliori.

E’ da considerare che tutti i discorsi seguenti valgono se abbiamo ottimi set di dati con seeing veramente buono. Ogni debolezza del sistema porta a immagini poco belle o comunque non soddisfacenti ne il proprio ego e neanche il compiacimento altrui.

Processing

Con AS3!:

Image Stabilization su Planet ad Dynamic Bkg selezionato. Quality Estimator con Noise Robust settato a 5. Reference Frame spuntato su Double Stack Reference e Autosize. Number of stack options in base alla qualità del seeing (nel mio caso seleziono 400 frames) e comunque in media un 10-15% dei frames totali. Il drizzle ed il ricampionamento non li abilito.

Per quanto concerne i punti di allineamento, una volta usavo il multipoint; ora utilizzo il singolo punto grande quanto l’intero pianeta selezionato manualmente impostando manual draw.

I file si salvano in formato tiff a 16 bit.

Registax o Pixinsight:

Il raw proveniente da AS3! salvato in tiff, viene aperto in registax, iris o pixinsight. Dei tre trovo ottimi riscontri con registax e pixinsight.

Parliamo di passaggi da applicare ad ogni singolo raw dell’RGB o LRGB.

Parliamo una volta tanto del planetary imaging con Pixinsight. Prima di tutto applico una maschera di convoluzione con deviazione standard 0.4-0.8 (in base a vari fattori, quali dimensione del pianeta, seeing, etc). Gli altri set point rimangono invariati.

Successivamente applico deconvoluzione. La deconvoluzione di pixinsight è potentissima. Attraverso la scelta di parametri della funzione di PSF tra cui Deviazione standard, Shape, algoritmo (un algoritmo di Lucy Richardson è ok per il nostro scopo), e Wavelet si ottiene il livello di dettaglio più desiderato. Lo studio della PSF e del livello di wavelet da applicare è la parte più importante del gioco. Quindi vanno fatti tentativi per capire da che parte andare. I tentativi sono tutti reversibili. Un tool potente, sotto il menù Script, è Deconvolutionpreview che ti consente di verificare più PSF contemporaneamente. Davvero bello!

La scelta delle iterazioni di deconvoluzione sono invece un tema a se stante. Va provato in base al proprio set di dati.

Dopodiché se il risultato soddisfa, applico una ulteriore Convoluzione sempre con deviazione standard molto piccola (ciò per eliminare la granulosità della deconvoluzione).

A questo punto parto con Photoshop.

Photoshop:

In Photoshop applico una prima sfocatura con raggio 0.2-0.3. Successivamente, applico una maschera di contrasto. La prima volta con % molto bassa (10-15%) e raggio ampio (tipo 15-20 px). Al secondo giro con % circa 40-50% e raggio 5 px ed infine con 100% e raggio 0.8-1.0%.

Poi regolo Livelli, Saturazione, etc Giusto poche correzoni cosmetiche per migliorare le tonalità normalemente slavate anche con le migliori camere.

Risultati della rielaborazione

Ecco due set RGB del 2016 quando il pianeta era ancora molto alto e quindi le condizioni di seeing erano maggiormente favorevoli rispetto alle quote attuali o meglio degli ultimi 2-3 anni dove il pianeta rasentava, al minimo, 26-28° dalle latitudini Italiane.

Una splendida vista di Giove con il satellite Ganimede in corso di occultazione
Una eccezionale GRS” grande macchia rossa”, Callisto in transito e un eccezionale Giove

Seeing stimato per entrambe le sessioni circa 7/10 e trasparenza buona. Giove necessità sempre di condizioni buone per poter accedere ai dettagli flebili del disco.

Ecco invece ottimi risultati del 2017 https://www.scienzechepassione.com/giove-e-ganimede

Per la tanta curiosità, è scappato anche un reprocessing su Saturno.

Una rielaborazione di un singole set RGB. L’esperienza e sacrifici ripagano

Opposizione di Marte 2020

Concentriamoci sull’Opposizione di Marte avutasi nel 2020. Merita un articolo a se stante. Da Agosto in poi ho iniziato a seguire l’avvicinamento del pianeta rosso alla terra. Pressappoco dal suo Perielio, attraverso l’opposizione con il Sole e la Terra e fine a raggiungere la parte più profonda della stagione delle tempeste, ho raccolto le mie migliori immagini da quando ho iniziato fare lucky imaging.

Tutto è riassunto nel Poster seguente. Riporto Marte nelle Sue posizioni attraverso la sua orbita. E’ molto bello vedere l’incremento delle dimensioni del disco e della qualità delle immagini e allo stesso tempo una dettagliata mappa 2D di tutto il pianeta. L’opposizione di Marte è coincisa con i mesi invernali dell’Emisfero Nord. Infatti, non sono mancate nebbie, foschie, nubi orografiche sui vulcani.

Più volte mi è capitato di riprendere il Monte Olimpo in tutto il suo splendore. I suoi circa 25 km di altezza lo rendono facilmente osservabile anche da Terra.

Anche i Vulcani limitrofi all’Olimpo sono ossrvabili. I rilievi e la tridimensionalità degli stessi è osservabile. Addirittura in una immagine si intravede il cratere Schiapparelli e le maggiori formazioni superficiali.

Ecco, quello che è il mio miglior lavoro sino ad oggi.

L’emozione è ancora tanta ancora se oramai l’Opposizione è lontana.

Immagini del Pianeta Rosso durante l’opposizione del 2020. Partiamo dal Perielio fino ad arrivare alla stagione delle tempeste.
Rotazione del pianeta Marte. Ottenuta usando winjupos
Rotazione del pianeta Marte. Ottenuta usando winjupos e tutte le immagini suddette

Tutte le immagini sono realizzate con il mio C11 ed EQ 6. sono tutte IR-RGB. le riprese sono fatte con ASI 120 MM e ASI 178 MM.

Da quando ho iniziato ad usare la ASI 178 MM la scala di immagine e la qualità finale è cambiata radicalmente ed in meglio.

Tutte le immagini sono visibili nell’altro articolo:

Marte Protagonista della stagione pianeti 2020

Pianeti 2020 – astroimaging

Anche per il 2020 facciamo un sommario delle sessioni sui pianeti in alta risoluzione. Il 2020 è l’anno dei Pianeti e della grande Opposizione di Marte, una delle tante che avviene ogni due anni. Il 2020 è anche l’anno dell’osservazione comoda dei Pianeti nei mesi estivi. Tante intenzioni, ma tante anche le difficoltà.

Giove e Saturno

Iniziamo col dire che rispetto all’anno scorso vivo un reale momento di grazia osservativa. Infatti, il 2020 per me rappresenta il ritorno alla ripresa dal sud Italia, quindi pianeti più alti sopra l’orizzonte in media 5-7 gradi rispetto al mio precedente sito osservativo, ed in aggiunta anche perché i pianeti iniziano in maniera molto timida a recuperare altezza.

Benchè ritornato al Sud, ciò non è bastato. Giugno turbolento; Luglio e Agosto afflitto da convettive termiche molto sostanziose, non ci sono mai state condizioni di seeing perfetto. In aggiunta, per pigrizia, non mi sono mai confrontato al 100% con un problema che affligge molto gli SCT e soprattutto se di grande diametro: la collimazione.

Per entrambe i giganti mi sono perso le Opposizioni per motivi di lavoro o di cielo…in Agosto e Settembre però, sono riuscito a portare a casa qualche ripresa. In tutte le sessioni, il canale Blu è quello che più ha sofferto del seeing (e direi della collimazione). Ecco di seguito i vari bottini:

Immagine di Giove del 02-08-2020 – Immagine ottenuta nell’IR con filtro Baader IR 685 nm
La stessa immagine di prima ri-elaborata dopo 2 mesi circa con tecniche diverse. Dopo aver fatto stacking con AS3!, ho usato Pixinsight applicando una deconvoluzione, poi una comvoluzione e infine una Unsharp mask. Poi in Photoshop ho applicato una sfocatura gaussiana con raggio minimo e infine ho creato il collage.
Immagine del 08-08-2020 sotto un cielo pessimo
Rotazione di Giove del 02-08-2020. Visibili il disco del satellite Galileano IO e della sua ombra proiettata sul disco del gigante gassoso. Si vede anche la macchia rossa.
Giove del 21-08-2020 – singoli set RGB
Rotazione Gioviana del 28-08-2020. Visibili, in uscita dal disco il satellite Europa. Mentre sul disco fa bella mostra di se la GRS e l’ombra di Europa.
Miglior immagine del 28-08-2020. Visibile Europa, l’ombra (che forma una rondine), la GRS e l’outbreak avutosi nella banda temperata nord. Sotto alla GRS vede bene il WOS
Giove del 05-09-2020 .

Ecco di seguito, rispetto all’ultima elaborazione del 05-09-2020, immagini ottenute solo usando Pixinsight. Sui raw ho applicato una convoluzione con deviazione std 1 e forma come di default. Successivamente ho applicato con 10 iterazione algoritmo Lucy Richardson e quindi ancora una convoluzione per ridurre rumore e infine uno stretch dell’istogramma visto il livello basso di adu con cui normalmente i soggetti

Giove il 05-09-2020 dalle 19.10 alle 19.20 TU. Tecnica di elaborazione completamente diversa.
Pixinsight offre molte opportunità anche in questo campo.

Credo che questo ultimo gruppo di set RGB abbia espresso bene la situazione di difficoltà di un pianeta basso, oltre il meridiano ed in condizioni di seeing medie. Di Giove credo non se facciano altri fino alla prossima opposizione del 2021.

Saturno 21-08-2020 – singolo set RGB senza derotazione

Anche per quest’ultimo Saturno ho porvato una elaborazione diversa usando Pixinsight:

Saturno del 21-08-2020 elaborato usando Pixinsight. Prima ho effettuato una convoluzione e poi una deconvoluzione e infine uno stretching dell’istogramma

Per Giove e Saturno bisogna attendere la tarda primavera del 2021 per ri-inziare a fare buone immagini. Oramai tramontano troppo presto la sera e si va incontro a periodi di atmosfera instabile per effettuate sessioni sui tali pianeti in alta risoluzione.

Link ad altri articoli relativi all’Opposizione seguita nel 2019
Link ad altri articoli relativi all’Opposizione seguita nel 2019

Marte, Opposizione 2020

Il 2020 è l’anno della grande Opposizione di Marte. Tra le sessioni sui pianeti in alta risoluzione sicuramente quelle di Marte hanno dato un significato agli sforzi. Ho avuto varie occasioni per riprenderlo, ma considerando quelle in cui il seeing era veramente buono abbiamo da mostrare:

Zoom su Marte del 21-08-2020. la Hellas predomina in questo stupendo IR-R-(G)-B. come L ho usato l’IR, mentre il G l’ho creato miscelando il 50% di R e il 50% di B.
Miglior immagine del 2020, almeno per me. Si vedono molto bene il Monte Olimpo, delle nubi orografiche sul monte Arsia. Tutta la regione della Tarsia è splendidamente visibile. Il polo Sud è retratto quasi al minimo.
In questa sessione, solo il Rosso era passabile, infatti non si osserva alcun dettaglio relativo ai tre vulcani presenti in Tharsis e idem per il monte Olimpo. Di quest’ultimo si scorge appena un accenno in alto a sx.

Due ottime serate sono state quelle del 17-09-2020 con un seeing di circa 6/10 ed il 19-09-2020 con punte di 8/10.

Ecco le risultanze:

Marte il 17-09-2020. Stanchezza e poco tempo a disposizione. Ottimo IR e R. Blue e Green con Polo bruciato.
Marte, stupendo, il 20-09-2020 alle 1.41 circa (23.41 TU). Si vedono nuvole sia al terminatore e sia al Polo Nord. Composizione RGB dove sono stati usati 8% di 4500 frames a canale.
Marte 16 minuti dopo alla ripresa precedente. Ore 23.57 TU, ore 1.57 ora locale. Elaborazione molto morbida e meno esasperata per uso di wavelets più fini. Sommati il 14% dei frames di circa 4600 a canale. Il polo è meglio risolto e non bruciato dalla eccessiva elaborazione.

Ancora immagini, questa volta del 09-10-2020.

Seeing Eccezionale per la zona dove abito. Questa volta veramente il bottino ne è valsa la pena facendo superare stanchezza e sfinimento da seeing pessimo…

Marte in condizioni di seeing eccellente. si osserva con successo il forte ritiro della calotta polare Sud. Si osservano strutture iperfini. Il Monte Olimpo sfoggia imponente le sue maestose dimensioni. Si vedono anche l’utopia Planitia, il Monte Elysium. I Vulcani della Tharsis sono invece coperti da nubi orografiche. Ben visibile anche Apollinaris Patera.
Due ore di rotazione di Marte

Le immagini usate per la simulazione di rotazione sono veramente eccellenti. Si vedono crateri ed aree vari ud una risoluzione eccezionale.

Oggi 13-10-2020, l’opposizione di Marte è arrivata ed il seeing faceva schifo. Quindi no sessione, no immagini. Beh, iniziamoci a preparare per un lungo inverno di Deep Sky.

Tuttavia, il 20-10-2020, in una Ottobrata…è arrivato un altro bel momento di seeing. Qui di seguito un IR-B (grazie a winjupos che ti sviluppa un G sintetico in maniera automatica):

Il prossimo momento di massimo avvicinamento simile a quello avuto nel 2020 sarà tra 15 anni (Chissà il COVID se ci darà la possibilità di arrivarci in salute).

Ancora Ottobre, con un clima insolito ci regala una bella immagine di Marte con il pianeta ancora alto ed in buone condizioni di seeing:

Molto belle le leggere velature che lambiscono il terminatore ed il bordo. anche sul Polo Nord insiste una cappa estesa di nubi.

Dall’immagine prossima ho iniziato ad usare la ASI 178 MM spronato da mia moglie. Conflitti di windows 10 con Firecapture, la EFW 2 e la ASI 178MM me lo avevano impedito. L’uso della Barlow 2X e la ASI determinano un giusto sovra-campionamento molto utile per Marte.

Il 31-10-2020 un’altra opportunità! Seeing Medio ma comunque utile a metter giù un bel Marte:

Ancora Marte il 7-11-2020, protagonista indiscusso delle nostre serate astronomiche; in tal caso il seeing era appena sufficiente, ma comunque si intravedono bei dettagli.

Ancora il 09-11-2020 alle 18.35 TU con il pianeta ancora a circa 15 gradi dal meridiano in condizioni di seeing medie. Il disco sfiora i 18″. I dettagli si perdono nel seeing non buono. Opposizione di Marte veramente eccezionale.

Durante il mese di Novembre su Marte si è verificata una tempesta di sabbia molto intensa che sono riuscito a riprendere. Il pianeta è avvolto da una intricata rete di nubi biancastre e le zone che fino ad un mese fa erano nitide (vedi immagine del 20-10-2020), ora sono offuscate da questa tempesta. Il pianeta è ormai piccolo! Ha perso già 4″ di arco e si porta a circa 16″. Con il C11 ancora si riesce ad apprezzare qualche interessante dettaglio come la sagoma dei monti della Tharsia e il Monte Olimpo.

Dicembre, pianeta oramai lontano, ci ha offerto solo un paio di possibilità. Il 13/12 ed il 20/12. Due sessioni difficili per seeing non stabile e pianeta sempre più piccolo

Qui iniziano le immagini del 2021. Vale sempre la pena fare qualche set rgb e vedere se evolve l’atmosfera in qualche modo strano.

Qui Marte ha completato la sua orbita. Da questo momento inizia un nuovo Anno marziano
Qui la sonda Perseverance già era arrivata da qualche giorno.

Infine Urano. Riprendere Urano non è una passeggiata, soprattutto cercare di immortalare i satelliti più importanti:

Urano di soli 3,7″. Si vedono le differenze di albedo tra il polo Sud e polo Nord

I 5 satelliti più importanti sono ben visibili nell’immagine di destra sovra-esposta. Miranda, di mag. 16.5 è appena visibile nel chiarore del disco di Urano. E’ la prima volta che riesco a far esaltare tracce di albedo. Ho acquisito 20000 frames e sommati 3000. Il seeing era circa 7/10 e la trasparenza scarsa determinando difficoltà a lavorare con lunga focale su un pianeta di mag. 5.7.

Ecco Urano orientato grazie a Winjupos nel migliore dei modi. Il Nord è in alto. Le differenti tonalità di albedo sono ben visibili sul disco di 3.7″.

Ecco invece riprese scorse di Urano:

https://www.scienzechepassione.com/urano-settimo-pianeta-del-sistema-solare/

Via Lattea, paradiso perduto

In estate volgiamo lo sguardo al cielo e proprio sopra le nostre teste si osserva la scia luminosa della Via Lattea. La Via Lattea è una miniera di tesori. La zona del triangolo estivo è ricca di asterismi particolari, oggetti nebulari, nebulosità oscure, stelle doppie stupende come Albireo.

Nella porzione di Via Lattea che ho ripreso si vedono tre stelle bellissime quali Vega, Altair e Deneb. Queste tre stelle formano il Triangolo Estivo, asterismo principe delle estati dell’emisfero Nord.

In un posto lontano dall’IL cittadino è facile scorgere ad occhio nudo la Via Lattea. Se siamo su una spiaggia lontana dalle città ancora meglio.

Qui di seguito vi mostro una Via Lattea ripresa da un centro cittadino del Nord del Casertano, sul Litorale Domitio.

Fotografia della via Lattea

Personalmente opero così. Non avendo astroinseguitore devo accontentarmi dei limiti temporali imposti dall’assenza di questi. Usando la regola del 500, con un obiettivo zoom da 18-55mm Canon, imposto, in modalità M, 20″ di posa. Imposto gli ISO a 6400-12800 e scatto circa 30 scatti.

Gli scatti, in raw, li sommo con DSS e successivamente li elaboro in Pixinsight.

Galassia Via Lattea con grande visibilità del Solco e dell’asterismo del Triangolo Estivo

Si vedono in basso a destra gli effetti nefasti della città e una leggera foschia. negli altri spigoli dell’immagine si vede invece il gomma dell’obiettivo zoom. L’immagine contiene circa 3500 stelle.

Ecco invece una zona molto”luminosa” a limite tra il centro galattico e la stella Antares. Qui, abbiamo varie strutture interessanti quali, le emissioni della stella Rho Ophiuchi, il centro della Via Lattea, le nebulose oscure (quali ad esempio il dark river è ben evidente.) e migliaia di altri piccole strutture.

Ecco l’immagine:

Quasi al centro galattico. Complesso Rho Ophiuchi, Antares e Via Lattea.
Visione della zona adiacente il centro galattico. Ricca di nubi oscure e visione di un pezzo di via Lattea tra l'Ofiuco e lo Scorpione
Zoom dell’area precedente

in questa ultima immagine si vedono bene, il Dark River, il Kiwi Neozelandese, vari ammassi.

E’ un vero paradiso perduto. Colpa dell’uomo e del suo inquinamento luminoso.

Solco del Cigno

Altra zona zona “rinomata” della Via Lattea è il solco del Cigno. Qui, centrando l’obiettivo su Deneb, stella alfa della Costellazione del Cigno, ben si vede la caratteristica nube oscura (il solco)che separa i lobi luminosi della Via Lattea.

La foto è la somma di 50 frames da 1 minuto con EOS 750D a 18 mm e poi croppata.

La serata non era delle migliori e l’incremento dell’IL dovuto alla maggior presenza di turisti e attività nella zona balneare antistante la terrazza ha fatto il resto.

Visione del Solco del Cigno
Via Lattea nel Cigno

La catena di Markarian, viaggio nella Vergine

Nella costellazione della Vergine è presente una elevata quantità di galassie facilmente accessibili a tutti gli strumenti. Tale assembramento di galassie costituisce l’ammasso della Vergine, il più vicino sistema al nostro Gruppo Locale. Una parte di questo ammasso di galassie è la Catena di Markarian.

La catena di Markarian si definisce tale perché prospetticamente i suoi elementi costituiscono una linea incurvata.

Elementi costituenti la catena di Markarian

La catena di Markarian è composta da almeno 7 elementi galattici che si muovono coerentemente, mentre esistono molte altre galassie molto meno evidenti, comunque inserite nello stesso contesto. Il numero di elementi principali della catena è pari a 8.

Il movimento coerente di questo insieme di galassie fu scoperto nel 1960 dall’astronomo armeno Markarian.

I membri di questa catena sono: M84 (NGC 4374), M86 (NGC4406), NGC 4477, NGC4461, NGC4458, NGC4438, NGC4435. 

M84 e M86 sono due galassie enormi del catalogo Messier. La M84 è una galassia ellittica come M86. Tuttavia molti astronomi sono in dubbio sul fatto che M86 possa essere una galassia lenticolare piuttosto che una ellittica.

M86 si sposta verso la via Lattea a 240 km/sec (blu shift) e nel suo moto perde una grande scia di gas ed emette raggi X rilevati con il telescopio Chandra.

M84 è invece circondata da un grande alone di materia oscura.

Una peculiarità è da segnalare per NGC 4435-NGC 4438, anche noti come Arp 120 dette Occhi dell Vergine. Sono due galassie interagenti che con le loro lunghe code tidali si sfiorano.

Imaging della catena di Markarian

Questa è la prima immagine deep sky fatta da casa mia dopo un lungo periodo in Brianza. Sicuramente le immagini realizzate dal giardino di casa in Brianza, rendevano evidente un forte IL ma con lunghezze d’onda ben selezionate dall’Optlong L Pro. Ho verificato che qui a casa mia l’Optolong non lavora benissimo. Dovrò analizzare le sorgenti presenti nella zona e le loro emissioni per capire se la selezione di tale filtro è efficace.

Vedere la catena di Markarian sotto un cielo buio è relativamente facile, cosa più difficile e riprenderla dalla citta.

Con un SW ED80+EOS750D e Filtro Optolong L-Pro e circa 2 ore di integrazione con sub da 3 minuti+19 dark+19 flat+51 bias ho ottenuto la seguente immagine elaborata con Pixinsight.

Inseguimento con 70/500 e DMK21, software di guida PHD.

Come nota utile a chi dovesse riprendere: nell’area ci sono poche stelle da usare come guida con 1 sec di acquisizione; per questo consiglio di acquisire la stella di riferimento con almeno 3 sec di exp.

Come sempre le due ore di riprese seppure sufficienti a far riconoscere gli elementi principali, sono state deturpate dall’inquinamento luminoso del centro cittadino. La magnitudine massima raggiunta è di circa 13.

Immagine della catena di Markarian e annotazione della stessa. Si osservano tutti gli elementi della catena ed anche altri oggetti del catalogo IC e NGC.

Comunque, questo era un altro target che mancava alla mia collezione. Proverò a recuperare altro segnale nelle prossime sessioni.

NGC4435-NGC4438 – The Virgo’s Eyes

Ho provato a elaborare separatamente solo le galassie occhi della vergine:

The eyes, nel cuore dell’ammasso di galassie detto Catena di Markarian

Dato lo scarso livello di segnale accumulato è inutile procedere con tutte le altre molto meno luminose e diffuse.

Importante alla fine è aver passato un paio all’aperto e sotto il cielo.